Fisioterapia Osteopatia Roma Eur Torrino

Apertura : dal Lunedì a Venerdì - 9:00 - 20:00
  Telefono : 06 83978375

La sindrome del piriforme

La sindrome del piriforme

La sindrome del piriforme indica un insieme di segni e sintomi tra cui un dolore intenso del gluteo che tende ad irradiarsi come un formicolio verso la gamba e che aumenta durante la posizione seduta.

Che cos’è il piriforme

Il piriforme è un muscolo di forma triangolare, appartenente alla regione glutea ed è direttamente connesso ai movimenti di extrarotazione ed abduzione dell’anca e contribuisce alla retroversione del bacino. Partendo dalla zona interna del sacro, si estende nella fossa trocanterica, appena al di sotto del collo femorale.

Anatomicamente, il piriforme, è innervato dal plesso sacrale, si trova a stretto contatto con il nervo sciatico ed è proprio per questo motivo che problematiche a carico di questo muscolo possono essere simili ad una lombosciatalgia.

I sintomi della sindrome del piriforme

La sindrome del piriforme è un insieme di segni e sintomi che interessano il muscolo piriforme e il nervo sciatico, nel suo punto di passaggio al di sotto di questo muscolo. I sintomi provocati da questa sindrome sono: un dolore molto forte localizzato nella zona del gluteo, che si estende nella parte posteriore dell’arto inferiore, nei casi più gravi arriva fino al piede; formicolio e bruciore.

Spesso la sindrome del piriforme viene confusa con la lombosciatalgia ma le due patologie sono differente. Nel caso della lombosciatalgia si ha una compressione diretta o indiretta di una radice nervosa che emerge dal midollo spinale a livello vertebrale a causa di un’ernia del disco, una frattura o un’infezione. Nel caso della sindrome del piriforme, invece, non vi è alcun danno irreversibile.

Fattori di rischio

Le donne sono maggiormente colpite dalla sindrome del piriforme rispetto agli uomini. Fra le maggiori cause e fattori di rischio sono stati riscontrati i seguenti: un trauma nella regione glutea causato da cadute che provocano infiammazioni dei tessuti molli, trigger point miofasciali causati da traumi diretti, movimenti improvvisi e violenti, interventi chirurgici nella zona addominale o al bacino, disfunzioni posturali.

Diagnostica

La sindrome del piriforme, essendo un problema muscolare, non può essere diagnosticata tramite risonanza magnetica o un’ecografia. Pertanto, bisogna prendere in esame una serie di fattori tra cui il momento in cui sono comparsi i sintomi, le posizioni tenute dal paziente e le attività della vita quotidiana che provocano dolore. Ad esempio, attività che conducono alla sintomatologia della sindrome del piriforme possono essere un tempo prolungato da seduti, la guida, accavallare le gambe, trascorrere tanto tempo in piedi, lo squat in palestra, la corsa.

Per valutare la presenza di tale patologia si effettua il test muscolare di attivazione del muscolo piriforme che si esegue in posizione prona con il ginocchio piegato a 90°. Si procede domandando al paziente di effettuare una rotazione dell’anca verso l’esterno.

Fisioterapia per la sindrome del piriforme

Per quanto concerne il trattamento fisioterapico relativo alla sindrome del piriforme, il fisioterapista esegue la terapia manuale, insieme a terapia fisica ed esercizio terapeutico.

Nei centri fisioterapici come DS Cares, a seguito dello studio dell’anamnesi del paziente, si elabora un piano terapeutico efficace, con l’obiettivo di risolvere la patologia sia nel breve che nel lungo periodo in caso di recidive. Tra le scelte terapeutiche vengono considerate terapie fisiche quali laser ad alta potenza e tecarterapia, in quanto il calore attenua il dolore.

Inoltre, sono importanti anche gli esercizi fisici, soprattutto l’allungamento del muscolo piriforme per diminuire il fastidio. L’allungamento del muscolo in questione si effettua sdraiandosi in posizione supina su un tappetino, con le ginocchia piegate e i piedi poggiati a terra, sollevando una gamba e portando il piedi sul ginocchio controlaterale e, infine, sollevando da terra il piede della gamba che ancora poggiava sul tappetino e mantenere la posizione per circa 10 secondi.

Prevenzione

Per prevenire la sindrome del piriforme è consigliato mantenere uno stile di vita sano e posture simmetriche, in cui sia presente un carico simmetrico per entrambi i lati.

Lo studio DS Cares vi suggerisce, inoltre, dei piccoli accorgimenti quali: evitare di stare seduto o in piedi per un tempo prolungato, fare soste frequenti quando si guida e distendere il muscolo, fare stretching quotidiano.

Contattaci per avere qualsiasi informazione sulle nostre Terapie

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *