DScares

Patologie e Fisioterapia


Protesi-anca-il-recupero-dopo-lintervento1-1200x800.jpg

Febbraio 18, 2022 AncaPatologie0

In seguito a danneggiamenti e fratture dell’anca può essere necessario sostituirla con una protesi. Le cause che possono portare a tale necessità sono diverse, come diverse sono le tipologie di protesi all’anca tra le quali il chirurgo può scegliere. L’intervento chirurgico dura 1 ora – 1 ora e mezza circa e può essere più o meno invasivo a seconda delle protesi scelte.


la-scoliosi1-1200x800.jpg

Il termine scoliosi deriva dal greco skolíosis che significa «incurvamento», termine che a sua volta trae origine dalla parola greca skolíos, ossia «curvo», «storto». La scoliosi è una deviazione laterale permanente della colonna vertebrale determinata dalla rotazione dei corpi vertebrali ai quali si accompagna una deformazione dei dischi invertebrali e ad accorciamenti muscolo-legamentosi.


Lesione-del-menisco-ecco-come-la-fisioterapia-puo-aiutare1-1200x800.jpg

Novembre 24, 2021 GinocchioPatologie0

I menischi sono due strutture di colore biancastro composte da fibrocartilagine che si trovano nel ginocchio, tra il femore e la tibia, e sono caratterizzati da una forma a «C». Un soggetto affetto da lesione meniscale presenta sintomi quali gonfiore, dolore, infiammazione, difficoltà nell’estensione e/o nella flessione degli ultimi gradi del ginocchio o blocco totale dello stesso, crepitii e rumori articolari.


Lesione-del-legamento-del-crociato-anteriore1-1200x800.jpg

Settembre 18, 2021 GinocchioPatologie0

Il legamento crociato anteriore è un legamento fondamentale dell’articolazione del ginocchio, che insieme al legamento crociato posteriore, uniscono la superficie inferiore del femore a quella superiore della tibia. Per una lesione del legamento del crociato anteriore si effettua sia una diagnosi clinica che strumentale. Il trattamento per la rottura del legamento del crociato anteriore varia a seconda delle esigenze individuali del paziente.


Onde-durto-cosa-sono-e-quando-utilizzarle1-1024x683.jpg

Settembre 6, 2021 FisioPillole0

Le onde d’urto stimolano i processi biologici di guarigione, accelerando il metabolismo e aumentando l’irrorazione del flusso sanguigno. Ciò si verifica sfruttando due principi: meccanotrasduzione : un impulso diretto e meccanico che ripetuto all’interno del corpo si trasferisce e si trasforma in un impulso biochimico. Gli effetti delle onde d’urto sono direttamente proporzionati alla pressione applicata.


Artrosi-al-ginocchio-cose-sintomi-e-rimedi1-1024x683.jpg

Luglio 12, 2021 GinocchioPatologie0

Le cause dell’artrosi al ginocchio risalgono ad una combinazione di circostanze. È raro che questa patologia dipenda da un’unica causa. I sintomi dell’artrosi al ginocchio sono facilmente riconoscibili. Per chi è affetto da artrosi al ginocchio, purtroppo, non è estata ancora individuata una cura, l’unica terapia che viene applicata è relativa alla riduzione della sintomatologia, quindi ad alleviare il dolore e ristabilire parte della mobilità.


Infiammazione-della-cuffia-dei-rotatori1-1024x683.jpg

Luglio 3, 2021 PatologieSpalla0

Il dolore concentrato sulla spalla molto spesso è il sintomo che si avverte in presenza di un’infiammazione della cuffia dei rotatori. L’infiammazione della cuffia dei rotatori viene diagnosticata tramite l’esame fisico, in quanto il dolore che si prova nel compiere determinanti movimenti è sufficiente a confermare la condizione.


Mal-di-testa-da-cervicale-come-riconoscerlo1-1200x800.jpg

Il mal di testa da cervicale è un disturbo correlato alla zona cervicale superiore, ovvero alle prime tre vertebre del collo. Vi sarà sicuramente capitato di svegliarvi con un dolore al collo da rendere difficile la torsione della testa dal lato dolorante. In termini medici questo disturbo si chiama cervicalgia, che può provocare un forte mal di testa e alla sua origine possono esserci diverse cause.


morbo-di-dupuytren1-1200x800.jpg

Giugno 18, 2021 PatologiePolso e Mano0

Le cause che portano all’insorgere del morbo di Dupuytren non sono ancora del tutto note, ma ci sono dei fattori a cui gli esperti la riconducono quali la predisposizione genetica, traumi e presenza di fattori di rischio legati ad altre patologie. Nei casi più gravi, è necessario l’intervento chirurgico, al quale segue un periodo di convalescenza accompagnato da riabilitazione fisioterapica.


Copyright DSCares s.r.l. © 2022 - P.IVA 16064761006